GRIDO DI ALLARME DEI SINDACI DELLA BASSA E DEGLI AGRICOLTORI SUL PROBLEMA NUTRIE. LA LEGISLAZIONE ATTUALE È UN LABIRINTO INESTRICABILE

convegno nutrie uomo ambiente veterinara 19 maggio 2015

All’incontro organizzato dalla Facoltà di Veterinaria e dal Consorzio della Bonifica Parmense un lungo e infiammato dibattito sul ruolo della specie sul territorio.

Parma, 20 Maggio 2015 – Un incontro tecnico-scientifico diventato già dopo i primi interventi dei relatori presenti un interessante ed infiammato palcoscenico per dibattere sul futuro dell’animale nutria e sul ruolo che riveste come specie non originaria del nostro ambiente. L’aspetto legislativo oggi pesa enormemente sulle opportunità pratiche per mitigare i danni e, soprattutto dopo il 21 di agosto dello scorso anno, data in cui le istituzioni hanno parificato le nutrie ai topi e ai ratti togliendole così dalla cosiddetta fauna selvatica, lo scenario si è inevitabilmente e notevolmente complicato.

In particolare l’operatività pratica di cattura per applicare un Piano di Contenimento credibile proposto dall’Assessorato Regionale alla Difesa del Suolo è diventata quasi impossibile da mettere in atto per rendere esecutiva una programmazione rivendicata a gran voce dai numerosi sindaci della Bassa (San Secondo, Trecasali-Sissa, Sorbolo, Mezzani, Zibello) presenti nell’Aula Magna del Dipartimento di Medicina Veterinaria in occasione del convegno “Nutria, Uomo e l’Ambiente”posto al centro delle analisi e delle problematiche più attuali dal Consorzio della Bonifica Parmense insieme per la prima volta all’Università di Parma.

Il Prefetto di Parma Giuseppe Forlani intervenuto insieme al Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato Pier Luigi Fedele e ad altri corpi militari ha sottolineato come oggi sia difficilmente praticabile la strada delle ordinanze che richiamano all’eliminazione diretta dell’animale attraverso le armi da fuoco con il rischio anche penale per il privato cittadino o con coinvolgimenti anche degli amministratori che decidessero di appoggiarsi ai coadiutori, associazioni di cacciatori o Protezione Civile. Oggi quindi lo scenario si complica ulteriormente e il grido di allarme arriva forte dal Consorzio della Bonifica Parmense che, portando ad esempio una dettagliata rendicontazione delle spese con il presidente Luigi Spinazzi e il direttore Meuccio Berselli, ha presentato un conto per la sola provincia di Parma che oltrepassa abbondantemente il milione di euro di costi, spese del tutto insostenibili in periodi di crisi come questi.

Il parere scientifico dell’Ateneo, arrivato dall’intervento approfondito di dei prof. Pier Giovanni Bracchi e Cristina Marchetti (dopo l’introduzione del Pro Rettore Antonio Ubaldi), tende un pò a ridurre l’impatto delle sole nutrie sugli eventuali danneggiamenti al territorio indicando come assai più ridotte le capacità di scavo in pendenza di questa specie anche rispetto ad altre presenti. Gli agricoltori di Coldiretti attraverso il contributo del direttore provinciale Alessandro Corsini hanno espresso il loro rammarico per un contesto che in questo momento non solo non offre garanzie per le imprese del territorio che vogliono fare agricoltura nella Bassa e si vedono continuamente danneggiare le proprie colture, ma non hanno nemmeno il sostegno minimo delle istituzioni che non reintegrano più la percentuale del danno di risarcimento proprio dopo aver cambiato per legge l’elenco delle specie.

Insomma un “cul de sac” all’italiana in cui l’importante, vista l’entità dei danni quantificati, è stato cominciare a parlarne in modo approfondito e con dati scientifici come partenza. All’incontro, moderato dal giornalista Andrea Gavazzoli, hanno partecipato intervenendo al dibattito anche le associazioni di categoria CIA e Unione Parmense Agricoltori, il consigliere regionale Massimo Iotti ed alcune associazioni ambientaliste che hanno proposto la loro visione proponendo soluzioni con toni realisti e pacati.

UFFICIO COMUNICAZIONE E STAMPA

CONSORZIO DELLA BONIFICA PARMENSE